Dirigenti disperate – Intervista a Chiara Lupi

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

di Valentina Paternoster

Un libro diviso in due – un po’ come la vita delle donne del XXI secolo – che apre tante questioni

Titolo molto accattivante. Ma le donne sono davvero manager disperate?
E’ giusto partire dal titolo. Perché incarna lo spirito con il quale ho voluto affrontare un tema molto serio. Le donne che devono conciliare un percorso professionale o imprenditoriale con gli impegni familiari sono in difficoltà. L’importante però è evitare di piangersi addosso e affrontare i problemi con uno spirito un po’ scanzonato. Del resto questo è uno dei difetti di noi donne…ci prendiamo troppo sul serio, siamo malate di perfezionismo, piene di sensi di colpa. Un po’ di leggerezza non guasta.

CIl suo libro si suddivide in due parti: una parte riflessiva, la seconda invece più concreta. Penso che sia un buon mix per parlare delle donne in carriera: qual è l’immagine che ne emerge?
Emerge forte e chiaro il messaggio che le donne che ho intervistato ci vogliono trasmettere: non bisogna difendere il lavoro a tutti costi, ma il lavoro che si fa con passione si. E cercare di non trovarsi al bivio: dover scegliere tra carriera e famiglia vuol dire avere già perso.  Le donne, invece, devono proseguire nel cammino della propria realizzazione professionale, se desiderano farlo. Mettendo in conto che avranno percorsi di carriera che si svilupperanno in tempi diversi. Perché la maternità, ad esempio, impone degli stop.

Al termine della lettura del libro io, giovane donna non-mamma, ho pensato: “Yes, we can. Però…”. Quali consigli darebbe alle ragazze, brave e preparate, sulla via della conciliazione lavoro-famiglia-vita?
Le donne che desiderano conciliare impegno professionale e famiglia devono essere disposte a delegare tutte quelle attività legate alla dimensione domestica che rubano energie preziose. Devono quindi mettere in conto un investimento economico (da condividere ovviamente con il proprio partner) che consenta di poter contare su appoggi indispensabili per chi vive tutto il giorno fuori casa. In secondo luogo, a casa esattamente come in ufficio, scegliere bene i propri collaboratori e imparare a fidarsi. Se delegheremo la cura dei nostri figli, magari molto piccoli, a una persona che non sia di famiglia, dobbiamo poter riporre la massima fiducia nella persona che scegliamo. E scuoterci di dosso pesanti sensi di colpa che ereditiamo da una cultura che tende a colpevolizzare l’impegno femminile.

In Italia le donne sono un bacino inespresso di creatività, conoscenza, sapienza. È riuscitaa capire, dalle esperienze di vita ascoltate e raccontate, qual è la strategia migliore affinché questo bagaglio non vada perduto?
Le donne stanno esprimendo, in tutti i settori che le vedono impegnate, un grande potenziale. Studiano di più e si laureano prima. E stanno popolando anche quelle facoltà per tradizione appannaggio di studenti maschi. Di conseguenza le ragazze saranno, anche per motivazioni economiche, sempre più protagoniste nel mondo del lavoro.
Certo, per molte, abbandonare la carriera alla nascita del primo figlio è una tentazione forte. Servizi inadeguati, costi proibitivi di strutture private o babysitter, scoraggiano l’impegno fuori casa. Ma qui entra in scena la volontà. Se una donna vuole impegnarsi nella professione che ha scelto supererà certi ostacoli. Sono convinta del fatto che chi sceglie la soluzione più ‘comoda’ non abbia motivazioni forti. E quindi molto meglio si dedichi alla famiglia.

Ha un suggerimento da dare alle neomamme costrette a lasciare il lavoro, ma con tanta voglia di tornare sul mercato e mettersi in gioco?
Come dicevo, non credo molto nella ‘costrizione’ a lasciare il lavoro. Gli strumenti tecnologici che abbiamo a disposizione erano impensabili solo 15 anni fa, quando è nato il mio primo figlio. Le aziende sono sempre più disponibili ad accordare flessibilità e la tecnologia aiuta a mantenere i contatti con l’azienda. Certo, se si desidera più tempo da dedicare ai propri affetti bisognerà accettare di rinegoziare magari la propria posizione per un periodo o accordare una disponibilità inferiore in termini di tempo. Poi, superata la fase critica e trovato l’equilibrio che ci è congegnale, consiglio di dedicarsi alla propria passione. Perché il segreto è questo: il confine tra vita privata e vita lavorativa è sempre più sfumato. Se la professione che abbiamo scelto coincide con la nostra passione avremo anche una percezione differente del concetto di sacrificio.

(pubblicato su MRS)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookie Policy | Privacy Policy

© 2019 ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - Milano - TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24 - info@este.it - P.I. 00729910158

logo sernicola sviluppo web milano